L'acquisto della MTB – Ecco le regole per non sbagliare

Post di Redazione del 31 gennaio 2012 in NEWS
I consigli di Enrico Martello, collaboratore tecnico della squadra nazionale di cross country

Quando si arriva a questo punto dell’anno si inizia a pensare alla bella stagione. La primavera non è poi così lontana e, di conseguenza, le escursioni in MTB sono nel mirino degli appassionati. Oggigiorno il mercato offre ogni tipo di soluzione per l’acquisto di una mountain bike. Le case costruttrici hanno distribuito ai negozi i listini con modelli di ogni genere. Si passa dalle linee più economiche alle linee top di gamma che possono arrivare a prezzi come quelle delle automobili. Inoltre da un paio di anni ormai il mercato delle mountain bike offre due grandi possibilità di scelta:la mountain bike classica con ruote da 26 pollici e la mountain bike con ruote da 29 pollici. Con queste due tipologie di bicicletta il biker, dal 2011, si è trovato di fronte a un grande dilemma che mette in crisi anche i rivenditori di biciclette.. “è meglio la 26 o la 29?”

le caratteristiche — Prima di tutto la bicicletta per un appassionato deve avere determinate caratteristiche:

1.La misura del telaio deve essere idonea all’altezza dello sportivo. Le misure delle bike negli anni si sono semplificate molto fino ad arrivare ad avere misure come le t-shert ovvero S M L XL

2.La bicicletta deve essere affidabile:
-Generalmente il telaio della bicicletta, per un principiante che vuole iniziare a pedalare con una mountain bike, dovrebbe essere in alluminio
-Per agevolare la guida e il confort sui percorsi sterrati si consiglia un “rampichino bi-ammortizzato” con una forcella anteriore ammortizzata e una sospensione sul telaio situata verso la parte posteriore della bicicletta.
-Il manubrio deve essere sufficientemente largo, intorno ai 56 cm, per una migliore guidabilità del mezzo
-La pressione delle gomme deve essere intorno alle 2. 5 atmosfere
-Il cambio deve essere preciso nelle cambiate e i comandi sul manubrio devono essere morbidi
-È consigliabile acquistare una mountain bike con i freni a disco idraulici e non a filo -La sella deve essere morbida e confortevole
-Le manopole in spugna più morbide per un miglior assorbimento del sudore
-Pedali flat senza il sistema “a gabbietta” per avere una maggiore sicurezza per il principiante

confronto tra 26 e 29 pollici — Parlando con l’atleta di punta della nazionale xc Marco Aurelio Fontana abbiamo fatto il punto della situazione sull’aspetto evolutivo delle due tipologie di bike. Il 2011 è stato l’anno dell’entrata in scena, a tutti gli effetti, delle “ruotone da 29 pollici”. C’è da fare una considerazione: si chiamano ruote da 29 pollici ma la vera dimensione delle ruote è quella di 28 pollici. Per fare un esempio la misura è uguale a quelle della ruote di una bici da corsa.

Differenze:
-la ruota da 29 supera meglio gli ostacoli per un discorso di legge fisica; quindi in alcune situazioni il biker è effettivamente più agevolato nella guida soprattutto sulle traiettorie lineari. L’agevolazione comporta un minor impegno di forza fisica.
-la 26 è la ruota più tradizionale della MTB. La dimensione di questa ruota permette una maggior maneggevolezza nelle curve con raggiatura molto stretta (classico tornantino in discesa). La MTB da 26 pollici è più reattiva e i pesi e le dimensioni sono più ridotti.

Un’ottima 29 pollici deve tenere conto di tre fattori:
1.Il passo tra i due mozzi delle ruote (anteriore e posteriore) deve essere corto
2.L’altezza del movimento centrale deve essere il più possibile bassa per abbassare il baricentro della bicicletta
3.La sterzata non deve essere compromessa dall’angolo di sterzo della ruota anteriore che sterzando toccherebbe il piede posto sul pedale

Per concludere Marco Aurelio Fontana consiglia comunque di imparare la tecnica in MTB con una 26 pollici soprattutto quando si parla di ragazzini alle prime armi che si vogliono cimentare in questo spettacolare sport.

Fonte: Enrico Martello – Collaboratore tecnico squadre nazionali cross country 

su gazzetta.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *