Abetone, il diluvio blocca la gara finale e la classifica provvisoria di Gravitalia diventa definitiva

Post di Redazione del 30 settembre 2013 in NEWS
Il campione assoluto e’ il bolzanino Martin Messavilla, qui alla sua prima vittoria nazionale. Per 170 atleti rientro anticipato a casa

Il tempo gioca un brutto scherzo. Ad un’ora dalla partenza della quarta e conclusiva tappa del Circuito Nazionale Gravitalia Airoh-Monster Energy di downhill, il cielo si rompe e viene giù il diluvio che annulla definitivamente la gara rendendo valide le prove e dunque la classifica provvisoria di ieri pomeriggio. Peccato per gli oltre 170 bikers che si sarebbero anche prestati a continuare nonostante il rovescio e il tracciato divenuto torrente; ma ovvie ragioni di sicurezza hanno portato gli staff abetonese e di Gravitalia a fermare la Telecabina Casa Cantoniera Monte Gomito e a prendere la decisione di premiare sulla base dei risultati ottenuti ieri in fase di classificazione. Assiepati dentro al bar alla base dell’impianto di risalita, top riders, amatori e pubblico hanno comunque trasformato una giornata competitivamente nulla in un momento di condivisione sportiva di grande effetto. Rimontati in un minuto scenografia e brandwall, intorno a mezzogiorno e mezza è stato dato avvio alle premiazioni. Dietro all’infilata di coppe sono stati chiamati i migliori di questo circuito. Sul gradino più alto del podio – cat. Agonisti – sale Martin Messavilla (3’38”34) del team Alutech Downhill Rac – qui alla sua prima vittoria nazionale -, seguito da Alan Beggin (3’38”60) e da Mattia Roncaglia (3’38”73) entrambi del GT-360Degrees. Per l’assoluta femminile si piazzano Elisa Canepa di Rivieraoutdoor, prima con 4’14”93, Rosaria Fuccio del team Il Ciclista off (4’40”56) e Viktoria Bereczki di Alutech Downhill Rac (4’50”44).

Ottime le performance nella maxi categoria Amatori. Simone Fabbri del A.S. Tartana Bike è il più veloce con 3’41”39; a tre secondi di distanza arriva Luca Fusani del Darra Racing Team (3’44”85) seguito da Lorenzo Frigerio del team Scout/Nukeproof (3’47”87). Le femmine non sono da meno: conquistano i primi tre posti Eleonora Farina del 100-One let us ride (4’22”09), Sara Mologni del Scout/Nukeproof (4’47”76) e Denise Tremul, di Lee Cougan Gravity P (5’15”29).

Vincono il Circuito Nazionale Gravitalia Alan Beggin (Agonisti Maschile), Lorenzo Frigerio (Amatori Maschile), Elisa Canepa (Agonisti Femminile), Eleonora Farina (Amatori Femminile).

“Ora comincio a divertirmi sul serio”. Il giovanissimo Messavilla, classe 1993, della provincia di Bolzano stringe timidamente la coppa al petto. “Vinco per la prima volta una competizione nazionale, è una bella sensazione. Con la pioggia avrei corso lo stesso, del resto dalle mie parti è un fattore costante”. Dowhiller già da 7 anni, Martin promette impegno e ottimi risultati, anche se avverte: “il Downhill è una grande passione, ma al professionismo preferisco il mio lavoro di orafo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *