Garmin Edge: problemi di batteria?

Post di Redazione del 25 ottobre 2017 in NEWS

Mancano pochi minuti alla partenza della vostra GranFondo, tutto è pronto, accendete il vostro Garmin Edge e…

Batteria scarica.

Dopo aver giustamente imprecato per 15 minuti buoni contro la vostra pigrizia, la disattenzione, la sbadataggine, tornate in voi e appuntatevi alcuni consigli non solo per risparmiare il consumo di batteria ma anche per riuscire a trasformare quel 10% in un fantastico 30%.

D’altra parte, è un Garmin.

GARMIN Edge1030

Per prima cosa, impariamo a risparmiare la batteria. Il vostro Garmin Edge è pensato e progettato per offrirvi innumerevoli funzioni, così da adattarsi a qualsiasi vostra esigenza. Va da sé che più funzioni manterrete attive e più batteria sarà richiesta al vostro Edge.

Scegliete dunque con scrupolo quali di queste sono effettivamente utili alla vostra attività, così da razionalizzare i consumi e ridurre al minimo gli sprechi.

Il sistema GPS e GLONASS, ad esempio, va utilizzato solo quando realmente necessario, nel caso in cui vi trovaste in condizioni di reale mancanza di segnale, per posizione geografica, perché circondati da superfici riflettenti, nevai, canyon, orridi o gole.

Le Smart Notification sono funzioni molto utili ma richiedono ovviamente batteria e in gara non tutte sono necessarie, anzi. Potete scegliere quali attivare, selezionando ad esempio solo le chiamate o i messaggi, così da preservare lo stato di carica.

Anche l’intensità della retroilluminazione e il rispettivo timeout (15-30-60 sec- sempre acceso) comportano un consumo di batteria aggiuntivo e magari non sempre indispensabile.

 

Potete limitare l’uso dei sensori associati – bastano il cardio e la potenza vector che comprende anche la cadenza – e del dialogo Bluetooth quando non è richiesto il Livetrack, così come l’utilizzo Wi-Fi mentre state pedalando, o la registrazione HRV, la registrazione dati ogni secondo, app o widget che lavorano costantemente in background.

Se usate vector 1/2/3, disabilitate le rilevazioni dinamiche EXTRA dalle impostazioni del sensore, dal menù dello strumento, quali il riconoscimento di uniformità di pedalata e l’efficienza di coppia.

 

Insomma le funzioni dei Garmin Edge sono fatte per essere utilizzate, ma utilizzarle soprattutto in allenamento, con buonsenso scegliendo quelle più utili durante la gara può evitarvi spiacevoli inconvenienti a pochi minuti dalla partenza.

Ok, per questa volta non siete riusciti ad evitarlo. Appena possibile vi dedicherete alla selezione delle funzioni per ottimizzare il consumo di batteria, ma intanto siete lì, sulla linea dello start, a pochi minuti della partenza alle prese con un’emergenza che si chiama: batteria al 10%.

Niente panico. Vi viene in aiuto il Battery Safety Mode (Risparmio energetico), una funzione presente sui prodotti top di gamma, Edge 820, Edge 820 Explore, Edge 1030, che una volta attivata vi permette di triplicare la durata della batteria.

La modalità di risparmio energetico regola automaticamente le impostazioni per estendere la durata della batteria nelle corse più lunghe. Durante la vostra attività lo schermo si spegne continuando a registrare tutta la performance, ma potrete attivare gli avvisi acustici che usciranno a mo’ di po-up sul display oppure vi basterà toccare lo schermo per riattivarlo, un timer con conto alla rovescia vi avvertirà che tra 3-2-1 secondi lo schermo si spegnerà

I punti delle tracce GPS e i dati dei sensori saranno registrati con minore frequenza e la precisione dei dati su velocità, distanza e rilevamento sarà inferiore, ma voi sarete sicuri di arrivare al traguardo senza aver perso nulla.

Per attivare il Battery Safety Mode andate su> Impostazioni > Modalità risparmio energetico > Attiva.

Selezionate poi gli avvisi che attivano lo schermo durante un’attività.

 

Per fortuna avete un Garmin. Per questa volta, vi è andata bene.