Paralimpiadi: per Zanardi e Podestà allenamenti ad alta tecnologia

Post di Redazione del 30 giugno 2012 in NEWS

La Galleria del Vento è una struttura d’eccellenza  nella quale si fa ricerca in ambito fluidodinamico

Si stanno preparando in modo esemplare i due assi dell’handbike nostrano, Alex Zanardi e Vittorio Podestà, che alle prossime Paralimpiadi di Londra 2012 cercheranno di centrare risultati importanti.

Le Paralimpiadi, obiettivo massimo di qualsiasi atleta, richiedono di mettere in gioco tutti se stessi, e la fase di preparazione è certamente la più impegnativa. Allenamenti duri, prove di tenuta del mezzo, ma anche sperimentazioni che scomodano scienza e tecnica, per non lasciare nulla al caso. Scienza e tecnica che, nel caso di Alex e Vittorio, vengono dall’eccellenza del Politecnico di Milano, dove i due atleti hanno potuto testare le loro biciclette, in quella che è chiamata Galleria del Vento.

Obiettivo delle prove: valutare l’efficienza aerodinamica del sistema bici e atleta al variare delle differenti configurazioni possibili, ovvero in base alla differente tuta, al diverso casco e posizione stessa sulla handbike. I questo modo si sono effettuate una serie di misure per testare la resistenza aerodinamica dell’insiem, e giungere quindi alla combinazione ottimale, ovvero quella che farà meno attrito con l’aria e farà correre i campioni il più veloce possibile.

Se per Zanardi e Podestà non servono presentazioni (il primo, ex atleta di formula uno, oggi Vice Campione del Mondo nel 2011 di handbike alla sua prima olimpiade, il secondo, Argento olimpico nella gara a cronometro di handbike a Pechino 2008), due parole vanno spese per l’eccellenza tecnica rappresentata dalla Galleria del Vento. Fiore all’occhiello dei Grandi Laboratori che il Politecnico di Milano ha nel suo Campus di Bovisa, è un impianto in cui si studiano problemi applicativi e lo sviluppo della ricerca in ambito fluidodinamico. Per intenderci, qui vengono realizzate prove e ricerche come quelle sul ponte sullo stretto di Messina, sulle barche partecipanti alla Coppa America come Luna Rossa, elicotteri e aeromobili. Il flusso è generato da da 14 ventilatori, ciascuno dotato di 12 pale per un totale di 1.4 MW di potenza installata che consente il raggiungimento di 200 chilometri orari.

Insomma, altissima tecnologia per due campioni che, oltre ai muscoli, ci mettono il cuore. In bocca al lupo ragazzi!

INFO:
Politecnico di Milano
www.polimi.it

Fonte: disabili.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *